Antonio - The Accountant

Sono Antonio, collega ed amico degli altri “matti” con i quali condivido questa esperienza di viaggio. Come mi sono trovato coinvolto in questa avventura? Assolutamente senza rendermene conto.

È iniziato tutto per gioco: il nostro collega Paolo, che è il vero promotore dell’iniziativa, nonché l’atleta (The Cyclist) che percorrerà la bellezza di 1.400 km in 96 ore, un bel giorno ci ha consegnato un CD raccomandandoci di visionarlo al più presto. Nel filmato si raccontava l’avventura di un forlivese che, nel 2012, all’età di 57 anni, ha partecipato con successo (arrivando cioè al traguardo entro il tempo massimo consentito) alla Race Across America (RAAM), forse la più famosa competizione di ultracycling al mondo.

Il filmato era ben fatto e la storia veramente appassionante così, il giorno seguente, quando ci trovammo a commentare quanto visto, scoprimmo che Paolo, oltre ad aver già pianificato l’impresa, ci aveva già assegnato un ruolo nella stessa. Come dire di no di fronte a tanto entusiasmo? Ed eccoci qua!!!

Quale sarà il mio ruolo nel TEAM? Ora, nelle fasi preliminari, quella di dare una mano alla parte organizzativa, soprattutto nell’ambito della gestione economica dell’impresa. Poi, quando finalmente partiremo, sarò anche uno degli autisti che si avvicenderanno nel condurre il camper attraverso mezza Europa. Quindi saremo, nei vari momenti della giornata, gli autisti, i cuochi, gli addetti alle riprese ed i tifosi del nostro atleta ma, prima di ogni altra cosa, un gruppo di amici che si sosterranno per vivere una fantastica avventura assieme.

Il gioco del “se fossi”

Se fossi un personaggio degli Incredibili sarei Siberius


“Deve governare il freddo… suo malgrado!”